.
Annunci online

 
GERONIMO 
PENSIERI E SERVIZI
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  FORUM
forum dei militari
--------oooo0oooo--------
BLOG
http://blog.solignani.it/
worldtv.com/geronimo/
http://it.youtube.com/goast2004
http://www.myspace.com/Antonio
Beppe Grillo
--------oooo0oooo--------
MISTERI ITALIANI
tibereide
Paolo Franceschetti
disinformazione
misteri d'Italia
agente segreto g.71
Fabio piselli
--------oooo0oooo--------
SITI ISTITUZIONALI
senato
camera dei deputati
consiglio dei ministri
ministero affari esteri
ministero dell'interno
ministero dei trasporti
ministero grazia e giustizia
ministero della salute
ministero della difesa
ministero del tesoro
ministero dello sviluppo economico
ministero delle finanze
ministero del lavoro, salute, politiche sociali
minstero dell'ambiente
ministero dei beni culturali
ministero della pubblica istruzione
ministero politiche agricole
Ministero per il commercio estero
Ministero dell'Università e delle ricerche
Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione
istituo poligrafico dello Stato
istituto superiore sanità
a.i.p.a.
c.n.r.
istat
consiglio di Stato
--------oooo0oooo--------
GIORNALI
ansa
effedieffe
il sole 24 ore
il giornale
il sardegna
zeusnews
il foglio
la Stampa
il riformista
  cerca

  In classifica

classifica

 


 

 

 

 

   

Utilità ed accessori

Ricerca codici C.A.P.
Autocertificazioni on-line
Caselle E-Mail gratis
La Patente a Punti
Calendario perpetuo
Ora esatta e Fusi orario
Prefissi Italiani  » Esteri

Calcolatrice»

Scientifica

Strumenti Economici e   Fiscali

Calcolo Codice Fiscale
Converti le Valute
Rate Mutuo e Prestiti

Calcolo Interessi Legali

Salute e Benessere

Le Diete gratuite
Valutazione del Peso
Calorie degli Alimenti
Piramide Alimentare
Composizione Alimenti
Calorie  » Nello Sport

Frutta di Stagione»Verdura

Strumenti Curiosità e Svago

Quoziente Intellettivo
Affinità di Coppia»Astrale
Esistenza precedente
Lettura della Mano
Calcolo dei Bioritmi
Num. Lotto»Num. Fortunato
 

    Strumenti utili

Traduci on-line
Parole scrittura
anonimi in internet
sms gratis
Software per PC
Quotidiani lettura
 

 


 

 

ENTI  GOVERNATIVI E  PREVIDENZIALI



Homepage

 

 

 A.N.A.V.A.F.A.F.

ASS. NAZ. ITALIANA ASSISTENZA VITTIME ARRUOLATE NELLE FORZE ARMATE E FAMIGLIE DEI CADUTI

Responsabile locale

Avv. Antonio Siffu 

 

  

SUL FILO DEL DIRITTO

 Normattiva Il portale della legge vigente

logo del sito

HandyLex.org

Kataweb, Soluzioni quotidiane

dalla tua parte

 

 M O D U L I


 PATENTE  


AmbienteDiritto.it


 

 

 

ASSOCIAZIONI DIFESA DEI CITTADINI

 

DANNO MEDICO 

 

CINOFILIA addestramento ed educazione comportamentale

Pitbull

 

meinstaff Siria

 

 

 

 Registra il tuo sito nei motori di ricerca 

 

 

  

 


 

Diario | news | sicurezza | Cani | politica | sport | musica | annunci | diritto e diritti | Sanità e salute | curiosità | segnalazioni | Computer e internet | militarpolice | lavoro | L'automobilista | Commercio e P.S. | ELENCO ALFABETICO POST |
 
Diario
1visite.

22 luglio 2013

NOTIFICA E REMISSIONE IN TERMINI

Remissione in termini: Deve essere concessa qualora l’imputato non non abbia avuto effettiva conoscenza del provvedimento e, l’“incolpevole ignoranza” , non ne costituisce più presupposto di applicazione

La prima sezione della Corte di cassazione, con sentenza n. 2627 del 17 giugno 2013, ha accolto il ricorso in merito alla mancata possibilità di proporre opposizione al decreto penale di condanna, notificato in ritardo.
Il decreto penale era stato notificato presso lo studio del difensore, ove era stato eletto domicilio, ma, avendo,l'imputato, cambiato residenza, la lettera raccomandata inviatagli dal difensore stesso per informarlo della condanna, gli veniva recapitata in ritardo, cioè quando il termine per proporre opposizione al decreto era già scaduto.
Il ricorrente, innanzi alla S.C., sosteneva l’incolpevole ignoranza a seguito della riforma dell’art. 175 c.p.p. ad opera del D.L. 17/2005, conv. con mod. nella L. 60/2005. Le notifiche al difensore d’ufficio non possono costituire, quindi, una presunzione di conoscenza effettiva da parte dell’interessato.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. notifica

permalink | inviato da geronimo il 22/7/2013 alle 22:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 marzo 2010

NOTIFICA PER COMPIUTA GIACENZA

Corte di Cassazione Civile sez.II 5/11/2009 n. 23541
Sul perfezionamento della notifica per compiuta giacenza

(omissis)
FATTO E DIRITTO
() impugna l'ordinanza del Giudice di Pace di Torre Annunziata n. 2472 del 2005, depositata il 30 giugno 2005 e non notificata con la quale veniva dichiarata l'inammissibilità del suo ricorso avverso il verbale di contravvenzione al Codice della Strada n. 6901 del 2004 per la violazione dell'art. 146 C.d.S., comma 3.
Il Giudice di Pace aveva pronunciato l'inammissibilità del ricorso, sulla base della L. n. 689 del 1981, art. 23, comma 1, per la sua tardività, avendo ritenuto che il verbale era stato notificato il 22 marzo 2005 (giorno nel quale era stato inviato l'avviso di giacenza), mentre il ricorso era stato depositato soltanto 27 giugno 2005 e quindi oltre 60 giorni previsti dalla normativa.
L'odierno ricorrente articola un unico articolato motivo di ricorso, nel quale, lamenta che il Giudice di Pace abbia dichiarato tardivo il ricorso senza rilevare invece che la raccomandata era stata ritirata dall'opponente soltanto in data 16 maggio 2005, sicchè il ricorso doveva ritenersi tempestivamente proposto, considerato che sulla base della L. n. 890 del 1982, art. 8 "la notificazione sia ha per eseguita alla data del ritiro del piego".
Oltre alla censura su esposta, deduce la violazione della L. n. 689 del 1981, art. 23, per omessa lettura del dispositivo in udienza e nel merito la decadenza della pretesa dell'amministrazione per essere dei ricorsi più di 150 giorni dalla data dell'infrazione a quella della notifica del verbale.
Attivatasi procedura ex art. 375 c.p.c., il Procuratore Generale invia requisitoria scritta nella quale, concordando con il parere espresso nella nota di trasmissione, conclude con richiesta di accoglimento del ricorso per la sua manifesta fondatezza.
La richiesta non può essere accolta, risultando il ricorso infondato.
La prima censura appare infondata.
Dal provvedimento del Giudice di Pace risulta, infatti, che egli ha ritenuto perfezionata la notifica del verbale opposto il "22 marzo 2005 con l'invio dell'avviso di giacenza". Sulla base della L. n. 890 del 1982, art. 8, comma 4, (nel testo vigente all'epoca della notifica) "La notificazione si ha per eseguita decorsi 10 giorni dalla data del deposito".
Con interpretazione adeguatrice del disposto della norma ai principi costituzionali affermati in materia dalla Corte costituzionale, la notificazione doveva ritenersi compiuta decorsi 10 giorni dalla data in cui parte ricorrente ha ricevuto detto avviso. Il ritiro del plico è avvenuto soltanto il 16 maggio 2005, quasi due mesi dopo il suo invio. Stante il lasso di tempo intercorso, parte ricorrente avrebbe dovuto dimostrare (ma non l'ha fatto) di aver ricevuto l'avviso di giacenza in prossimità della data dell'avvenuto ritiro, dovendosi in mancanza ritenere che l'avviso di giacenza giunse al destinatario nei giorni immediatamente successivi alla data del 22 marzo, del resto per essere tempestivo il ricorso depositato il 27 giugno, la conoscenza dell'avvenuto deposito doveva essere intervenuta al massimo il 28 aprile e non in data anteriore.
Nè coglie nel segno l'osservazione del ricorrente, che valorizza il disposto del comma 4 del predetto art. 8, che testualmente recita; "la notificazione sia ha per eseguita alla data del ritiro del piego", posto che l'interpretazione sistematica della normativa in materia di notifica a mezzo posta (con riferimento in particolare al disposto del citato comma 4) induce a ritenere che la norma invocata da parte ricorrente riguardi esclusivamente il caso in cui il ritiro del piego abbia luogo prima che siano decorsi i 10 giorni dal deposito e non già dopo. Del resto le modifiche normative successive confermano tale interpretazione.
Quanto al secondo motivo occorre osservare che si tratta di ordinanza emessa non in udienza ma ai sensi del primo comma dell'articolo 23, sicchè non vi è alcun dispositivo da pronunciarsi.
L'ultimo motivo resta assorbito.

P.Q.M.
La Corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. notifica

permalink | inviato da geronimo il 2/3/2010 alle 20:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto