.
Annunci online

 
GERONIMO 
PENSIERI E SERVIZI
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  FORUM
forum dei militari
--------oooo0oooo--------
BLOG
http://blog.solignani.it/
worldtv.com/geronimo/
http://it.youtube.com/goast2004
http://www.myspace.com/Antonio
Beppe Grillo
--------oooo0oooo--------
MISTERI ITALIANI
tibereide
Paolo Franceschetti
disinformazione
misteri d'Italia
agente segreto g.71
Fabio piselli
--------oooo0oooo--------
SITI ISTITUZIONALI
senato
camera dei deputati
consiglio dei ministri
ministero affari esteri
ministero dell'interno
ministero dei trasporti
ministero grazia e giustizia
ministero della salute
ministero della difesa
ministero del tesoro
ministero dello sviluppo economico
ministero delle finanze
ministero del lavoro, salute, politiche sociali
minstero dell'ambiente
ministero dei beni culturali
ministero della pubblica istruzione
ministero politiche agricole
Ministero per il commercio estero
Ministero dell'Università e delle ricerche
Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione
istituo poligrafico dello Stato
istituto superiore sanità
a.i.p.a.
c.n.r.
istat
consiglio di Stato
--------oooo0oooo--------
GIORNALI
ansa
effedieffe
il sole 24 ore
il giornale
il sardegna
zeusnews
il foglio
la Stampa
il riformista
  cerca

  In classifica

classifica

 


 

 

 

 

   

Utilità ed accessori

Ricerca codici C.A.P.
Autocertificazioni on-line
Caselle E-Mail gratis
La Patente a Punti
Calendario perpetuo
Ora esatta e Fusi orario
Prefissi Italiani  » Esteri

Calcolatrice»

Scientifica

Strumenti Economici e   Fiscali

Calcolo Codice Fiscale
Converti le Valute
Rate Mutuo e Prestiti

Calcolo Interessi Legali

Salute e Benessere

Le Diete gratuite
Valutazione del Peso
Calorie degli Alimenti
Piramide Alimentare
Composizione Alimenti
Calorie  » Nello Sport

Frutta di Stagione»Verdura

Strumenti Curiosità e Svago

Quoziente Intellettivo
Affinità di Coppia»Astrale
Esistenza precedente
Lettura della Mano
Calcolo dei Bioritmi
Num. Lotto»Num. Fortunato
 

    Strumenti utili

Traduci on-line
Parole scrittura
anonimi in internet
sms gratis
Software per PC
Quotidiani lettura
 

 


 

 

ENTI  GOVERNATIVI E  PREVIDENZIALI



Homepage

 

 

 A.N.A.V.A.F.A.F.

ASS. NAZ. ITALIANA ASSISTENZA VITTIME ARRUOLATE NELLE FORZE ARMATE E FAMIGLIE DEI CADUTI

Responsabile locale

Avv. Antonio Siffu 

 

  

SUL FILO DEL DIRITTO

 Normattiva Il portale della legge vigente

logo del sito

HandyLex.org

Kataweb, Soluzioni quotidiane

dalla tua parte

 

 M O D U L I


 PATENTE  


AmbienteDiritto.it


 

 

 

ASSOCIAZIONI DIFESA DEI CITTADINI

 

DANNO MEDICO 

 

CINOFILIA addestramento ed educazione comportamentale

Pitbull

 

meinstaff Siria

 

 

 

 Registra il tuo sito nei motori di ricerca 

 

 

  

 


 

Diario | news | sicurezza | Cani | politica | sport | musica | annunci | diritto e diritti | Sanità e salute | curiosità | segnalazioni | Computer e internet | militarpolice | lavoro | L'automobilista | Commercio e P.S. | ELENCO ALFABETICO POST |
 
Diario
1visite.

6 agosto 2018

MORTI IN UN PAESE NON IN GUERRA - LA STORIA DEI NOSTRI MILITARI E DELLE NOSTRE FORZE DI POLIZIA





Riportiamo l'intervista di Rory Capelli per repubblica, fatta al collega del militare suicidatosi alcuni giorni fa a Roma, perché vera, reale ed essenziale. Fa capire quali siano gli effettivi problemi all'interno delle forze armate e di Polizia e, seppur questo argomento sia stato da noi già trattato, crediamo necessario riproporre alcune riflessioni. In gioco, in un paese non in guerra, è la vita dei nostri ragazzi, che patiscono l'inerzia di chi dovrebbe averne cura, a tutti i livelli. Perché tutti questi suicidi? Ormai non si contano più, tra Forze Armate e Forze di Polizia, e nessuno mostra la reale intenzione di voler affrontare il problema. Ogni morte ha un proprio retroscena e, guarda caso, le ipotesi avanzate costantemente sono: "problemi familiari, sentimentali, finanziari, ecc.”, sempre e solo legati alla sfera individuale.
Ma è veramente così? Noi diciamo di NO, o meglio, NON SEMPRE è così.

Si può meglio capire dalle risposte del militare al cronista di Repubblica quali siano i reali problemi. La vita militare e nelle forze di polizia è compressa, piena di insidie e di un notevole fattore ansiogeno, discendente dallo stress a cui gli operatori vengono esposti. I più potranno pensare che questo carico di stress derivi esclusivamente della peculiarità del loro lavoro, ma non è così, i problemi maggiori giungono dal rapporto insistente all'interno dell'organizzazione, ove i doveri sono in prima fila ed i diritti trovano spazio nelle mere concessioni dei superiori. Il diritto non può essere un conferimento della scala gerarchica o discendere dal potere decisionale del proprio superiore, perché in tal caso non sarebbe più un diritto, ma una concessione, soggetta quindi a discrezionalità. Non si può vivere in questo modo, non ci si può sempre appellare alle esigenze di servizio per negare un diritto o anche solo venir meno alle necessità personali e familiari del militare. Ricordiamoci che i più svolgono il loro lavoro lontani dalle proprie famiglie e dalle loro case e spesso trovano notevoli difficoltà anche nel poter fruire la loro licenza nei periodi richiesti, perché anche questa è legata alle esigenze di servizio, per lo più opinabili e non reali, ma sovente è solo una definizione usata impropriamente da chi la palesa.
"Recuperi riposi" non gestibili dallo stesso fruitore, straordinari non pagati e recuperati in momenti non richiesti, regolamento di disciplina militare (antiquato) spesso interpretato in maniera restrittiva e da "ancien regime", trasferimenti a domanda stentatamente accoglibili, note caratteristiche che lasciano spazio alla più ampia discrezionalità, meritocrazia legata solo al grado e alle proprie doti di "savoir vivre", concorsi interni condizionati da punteggi derivanti dalle anzidette note ed "encomi", spesso non prettamente obiettivi, circolari interne in alcuni casi contra legem, che vengono considerate più rilevanti della legge stessa. Sono solo un corollario di problemi cui l'operatore, specie quello che fa il c.d. servizio "di strada" (o "di trincea" , se si preferisce) si scontra quotidianamente, e che di frequente deve sottoporre a quadri intermedi (gerarchia immediatamente superiore) che il servizio di strada non sanno manco cosa sia...
Perché un operatore deve aspettare dieci anni prima di fare domanda di avvicinamento? Perché alcuni regolamenti interni osteggiano l'avvicinamento presso il luogo di nascita? Perché per studiare o dare gli esami, nonostante le disposizioni di legge diano tempo e spazio e incentivi di carriera all'operatore-studente, devono esserci reiterate richieste ed i relativi permessi sono fatti pesare come "concessioni" e non diventare una normalissima prassi di diritto? In una logica empirica qualcuno direbbe che chi lavora sulla strada ed è quotidianamente esposto ad aventi sfavorevoli dovrebbe avere una valutazione superiore da chi sbriga pratiche in ufficio o porta a spasso (autista) il superiore: ma credete che sia sempre così?
Vi siete chiesti , poi, perché i carabinieri indossano ancora la bandoliera? Ovviamente non si può pensare ad un'esigenza operativa ; quindi, a cosa servirebbe?
Vogliamo ancora utilizzare i nostri militari così agghindati come soldatini di piombo per far pavoneggiare i grossi papaveri ?
Cerchiamo di essere pragmatici e pensiamo alla reale utilità della bandoliera e utilizziamola solo per rappresentanza o manifestazioni di categoria, atteso che essa è un simbolo storico dell'Arma dei Carabinieri, ma lasciamo liberi gli operatori di essere agili e leggeri quando sono operativi.
Ancora: su cosa si basa la meritocrazia? Sulla capacità di svolgere al meglio il proprio lavoro, tenendo conto anche dei rischi a cui si viene esposti, o sulla capacità di affinare il rapporto con la scala gerarchica? Immaginiamo che molti, specialmente chi svolge questa attività, abbia già una risposta...
Sembrerebbero tutte cose fatue e non di gran conto , tali da non poter determinare decisioni così drammatiche in seno alla vita di un militare o di un agente di polizia, ma la realtà va vissuta e respirata all'interno delle stesse Istituzioni , per capire che tutto ha un peso e un significato. Dobbiamo dare più spazio agli uomini che vestono una divisa e capire che non è solo con l'autorità che ci si pone innanzi ai propri uomini, ma con l'autorevolezza che un buon Comandante si guadagna con la sua equanime diligenza nel gestire un reparto di uomini a lui affidato, pensando che ogni uomo ha una sua storia, una sua famiglia, una sua vita che deve essere vissuta con dignità ed onore, forte dei valori che queste Istituzioni dovrebbe esprimere, senza però eludere i Diritti Costituzionali su cui esse si devono basare.

In questa prospettiva vogliamo segnalare un caso emblematico, un esempio positivo di come un comandante possa essere autorevole e rispettato, senza affatto bisogno di essere autoritario. Alcuni anni fa , durante la notte, un alto ufficiale viene a sapere che un familiare di uno dei suoi dipendenti è scomparso di casa; subito dà ordine che vengano chiamati tutti i militari, in servizio e fuori servizio, spiegando la cosa e chiedendo che tutti vengano vestiti in mimetica per le ricerche. Dopo alcune ore di tensione crescente , durante le quali l'alto ufficiale è sempre stato fisicamente vicino al militare interessato, il familiare viene ritrovato da una pattuglia e riaccompagnato a casa con tutte le cure e le attenzioni del caso... Saggezza e lungimiranza del comandante: chiedendo un sacrificio a tutti, attraverso questo episodio virtuoso, egli ha cementato il gruppo facendoli sentire parte di un'unica famiglia e, proprio ricordandosi di essere un comandante, successivamente gli ha fatto raggiungere obiettivi di lavoro mai prima ottenuti.
?
Oggi più che mai, nell'organizzazione delle forze militari e di polizia, vi è necessità di un organismo terzo e non influenzabile, al quale gli operatori possano rivolgersi per qualsiasi problema che può nascere all'interno dell'ambito lavorativo, a difesa dei propri diritti costituzionali. E' ora che tutti gli operatori vengano agevolati nelle loro necessità e possano vivere in maniera serena la propria vita lavorativa, pensando che la battaglia si deve combattere fuori e non all'interno delle stesse Istituzioni a cui appartengono. Si spera che il vento di cambiamento che si respira in questo momento storico nel nostro Paese, dia nuova linfa e ispiri le Istituzioni Militari e civili a creare un rapporto con gli uomini che servono lo Stato che sia collaborativo, efficace e giusto nell'applicazione dei diritti a loro dovuti.
La nostra Associazione, che proprio ai principi ed ai diritti Costituzionali si ispira, sarà sempre al fianco degli operatori della difesa e della sicurezza, di qualunque grado e funzione.

GL .


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. polizia suicidi carabinieri militari

permalink | inviato da geronimo il 6/8/2018 alle 8:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 giugno 2009

UNICA FORZA DI POLIZIA

NON VOGLIO ARGOMENTARE IN MERITO, INSERISCO ESCLUSIVAMENTE ALCUNE CONVERSAZIONI ESTRAPOLATE DA UN FORUM MILITARE CHE PARLANO SULL'ARGOMENTO.

Gli argomenti sono variegati ed interessanti e non mi inoltro oltre nello specificare quale sia la dispersione di notizie in seno ad un’attività di indagine percorsa dalle diverse forze di Polizia in maniera parallela. Chi è avvezzo sà che almeno per indagini particolari di competenza della Distrettuale Antimafia la cooperazione è d’obbligo, ma per tante altre no.
L’argomento non è certo nuovo ed al di là delle preferenze io direi che la domanda dovrebbe essere la seguente: “Come mai in Italia c’è Tanta resistenza da parte delle diverse Istituzioni a voler unificare le Forze di Polizia in un unico corpo?” Io la risposta l’avrei, ma è troppo lunga da esplicitarla in maniera esaustiva in questo forum, anche se sarei curioso di conoscere il pensiero altrui. In Germania vi è un’unica polizia “polizei” che si divide per specializzazioni, “Polizia Stradale , polizia Tributaria, Polizia Criminale e così via dicendo. Per chi ricorda si parlava di ciò già decenni fa, ma nel frattempo è stata creata la IV Forza armata, per amorevolezza degli alti ranghi dell’Arma dei Carabinieri. L’indirizzo Europeo è ormai chiaro da anni, deve esserci un unico corpo di Polizia “non militare”, ma ancora oggi in Italia ci sono troppe resistenze. Immagino la confusione di un cittadino straniero quando in Italia vede circolare divise di vario genere come quelle dei VV.UU. , della Polizia, dei Carabinieri, dei Finanzieri, delle Guardie forestali, delle Guardie giurate etcc…. Sarei curioso di conoscere il politico che avrà il coraggio di affrontare seriamente la materia. Nel frattempo, resto in attesa sulle sponde del fiume.

------

Ho visto che in molte sezioni di questo forum sono presenti topic e sondaggi simili. Se si tratta di creare un momento di discussione e confronto non ci vedo nulla di male. Anzi, le occasioni di confronto tra persone sono sempre molto costruttive. Resta il fatto che l'Arma non sarà sciolta, smilitarizzata o accorpata. E se stiamo a dare retta alle raccomandazioni dell'Unione Europea non dovrebbe esistere neanche il grana padano, il prosciutto, il formaggio di fossa, il pane azimo, ecc. ecc..
Ed infine mi chiedo, i frequentatori di questo forum sono perlopiù giovani e dovrebbero avere una visione molto più ampia della realta internazionale, insomma, durante i viaggi all'estero siamo riusciti veramente a districarci nel coacervo di corpi, uniformi, denominazioni più o meno bislacche (penso ai mossos de esquadra) delle polizie delle altre nazioni???? Insomma, quale è la nazione con un solo corpo di polizia? La Germania? Sicuri?

------

Vado a memoria e, negli anni 70, quando sono stato per qualche mese in Germania ho visto solo la Polizei, ovviamente qualora fosse il contrario possiamo approfondire il discorso, per il momento mi baso solo sui ricordi. Credo comunque che anche l’Inghilterra abbia un’unica forza di polizia. Lasciamo stare la Spagna e i Mossos d’Espuadra, poiché credo sia la prima polizia nata in Europa ( Vado sempre a memoria, quindi con il beneficio del dubbio). Lasciamo stare anche il formaggio, la cioccolata o quant’altro, credo che sia materia per i parlamentari Europei che potrebbero impegnare il loro tempo in miglior modo. Evidentemente hanno poco su cui discutere. E’ vero che il confronto può essere costruttivo ed il pensiero differente, come giusto che sia, purché non condizionato da pregiudizi ideologici. Capisco che il senso di appartenenza a talune Istituzioni possa essere forte, ma si parla già di un’unica polizia in europea e noi vogliamo continuare a difendere lo stato attuale delle cose? E’ assodato che ove vigano 6 forze di polizia, di cui una locale, vi sia una dispersione di risorse umane e di mezzi. Poiché questo è un forum per me di conversazione non voglio fare ricerche su ogni argomento, mi soffermo al mio ricordo, seppur labile, e mi fa piacere discutere e confrontarmi sulle opinioni altrui, anche se contrastanti, ma guardiamo avanti svincolati dal senso di appartenenza ad una o altra forza di polizia e pensiamo a ciò che può essere oggettivamente meglio ed efficace per il cittadino una volta tanto. Sempre se Dio vuole e Carabinieri permettendo.

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. polizia

permalink | inviato da geronimo il 16/6/2009 alle 7:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

29 gennaio 2009

FOTOGRAFARE AGENTI DI POLIZIA ALL'OPERA - E' LEGITTIMO

     
 

 

 

Domanda e risposta tratta dalla rivista on line “Polizia Locale News” della  Maggioli Editori.

Domanda

Capita spesso che un automobilista sanzionato ai sensi del Codice della strada, si metta a fotografare l'operato degli Agenti. E' lecito fare questo?

Risposta

E' necessario distinguere in quanto, se chi effettua le riprese fotografiche o video:
1 - crea intralcio o pericolo agli altri utenti della strada, saranno applicabili i rispettivi articoli del vigente codice della strada che sanziona il compotamento irregolare dei veicoli e/o dei pedoni

2 - ostacola l'attività dei verbalizzanti oppure limita l'utilizzo dell'apparecchiatura (disturbo, ecc), sarà applicabile l'ipotesi penale di interruzione di pubblico servizio disciplinata e sanzionata dall'articolo 331 codice penale con obbligo da parte degli accertatori di interrompere il reato. In tale ipotesi - se continuato - il comportamento della persona potrebbe integrare anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale

3 - lo fa solo per acquisire prove difensive (a torto o a ragione) non commette violazioni di carattere amministrativo o penale, ma gli operatori sul posto potranno intimare - è consigliabile a voce seguitata da raccomandata con avviso di ritorno - di utilizzare le immagini solo a fini privati con diffida a divulgarle sulla stampa, web, online, banche dati, ecc con ammonimento di riserva di agire legalmente per i danni civili e per l'eventuale violazione del diritto alla privacy

 


 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. polizia

permalink | inviato da geronimo il 29/1/2009 alle 19:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        ottobre