.
Annunci online

 
GERONIMO 
PENSIERI E SERVIZI
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  FORUM
forum dei militari
--------oooo0oooo--------
BLOG
http://blog.solignani.it/
worldtv.com/geronimo/
http://it.youtube.com/goast2004
http://www.myspace.com/Antonio
Beppe Grillo
--------oooo0oooo--------
MISTERI ITALIANI
tibereide
Paolo Franceschetti
disinformazione
misteri d'Italia
agente segreto g.71
Fabio piselli
--------oooo0oooo--------
SITI ISTITUZIONALI
senato
camera dei deputati
consiglio dei ministri
ministero affari esteri
ministero dell'interno
ministero dei trasporti
ministero grazia e giustizia
ministero della salute
ministero della difesa
ministero del tesoro
ministero dello sviluppo economico
ministero delle finanze
ministero del lavoro, salute, politiche sociali
minstero dell'ambiente
ministero dei beni culturali
ministero della pubblica istruzione
ministero politiche agricole
Ministero per il commercio estero
Ministero dell'Università e delle ricerche
Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione
istituo poligrafico dello Stato
istituto superiore sanità
a.i.p.a.
c.n.r.
istat
consiglio di Stato
--------oooo0oooo--------
GIORNALI
ansa
effedieffe
il sole 24 ore
il giornale
il sardegna
zeusnews
il foglio
la Stampa
il riformista
  cerca

  In classifica

classifica

 


 

 

 

 

   

Utilità ed accessori

Ricerca codici C.A.P.
Autocertificazioni on-line
Caselle E-Mail gratis
La Patente a Punti
Calendario perpetuo
Ora esatta e Fusi orario
Prefissi Italiani  » Esteri

Calcolatrice»

Scientifica

Strumenti Economici e   Fiscali

Calcolo Codice Fiscale
Converti le Valute
Rate Mutuo e Prestiti

Calcolo Interessi Legali

Salute e Benessere

Le Diete gratuite
Valutazione del Peso
Calorie degli Alimenti
Piramide Alimentare
Composizione Alimenti
Calorie  » Nello Sport

Frutta di Stagione»Verdura

Strumenti Curiosità e Svago

Quoziente Intellettivo
Affinità di Coppia»Astrale
Esistenza precedente
Lettura della Mano
Calcolo dei Bioritmi
Num. Lotto»Num. Fortunato
 

    Strumenti utili

Traduci on-line
Parole scrittura
anonimi in internet
sms gratis
Software per PC
Quotidiani lettura
 

 


 

 

ENTI  GOVERNATIVI E  PREVIDENZIALI



Homepage

 

 

 A.N.A.V.A.F.A.F.

ASS. NAZ. ITALIANA ASSISTENZA VITTIME ARRUOLATE NELLE FORZE ARMATE E FAMIGLIE DEI CADUTI

Responsabile locale

Avv. Antonio Siffu 

 

  

SUL FILO DEL DIRITTO

 Normattiva Il portale della legge vigente

logo del sito

HandyLex.org

Kataweb, Soluzioni quotidiane

dalla tua parte

 

 M O D U L I


 PATENTE  


AmbienteDiritto.it


 

 

 

ASSOCIAZIONI DIFESA DEI CITTADINI

 

DANNO MEDICO 

 

CINOFILIA addestramento ed educazione comportamentale

Pitbull

 

meinstaff Siria

 

 

 

 Registra il tuo sito nei motori di ricerca 

 

 

  

 


 

Diario | news | sicurezza | Cani | politica | sport | musica | annunci | diritto e diritti | Sanità e salute | curiosità | segnalazioni | Computer e internet | militarpolice | lavoro | L'automobilista | Commercio e P.S. | ELENCO ALFABETICO POST |
 
Diario
1visite.

25 novembre 2009

LA RIFORMA FORENSE CRITICATA DAL PRESIDENTE DELL'ANTITRUST

Nel panorama di "immobilismo generale" sul terreno della liberalizzazione delle professioni "si fa solo una legge di riforma forense che e' peggiore di quella del '39 sulle libere professioni e che mi fa rimpiangere quella legge". E' il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricala', a bollare cosi' la riforma attualmente in discussione al Parlamento. Nel suo intervento al 'Consumers' Forum' Catricalta' incalza: "penso che quella legge vada rivista, vada fermata, non perche' non fara' contenti Abi e Confindustria, ma perche' non saranno contenti i cittadini e i giovani".
"E' una guerra degli anziani contro i giovani -dice- e noi dobbiamo stare con i giovani che sono il nostro futuro". A giudizio di Catricala' il processo di liberalizzazione "si e' davvero interrotto, mentre sui servizi pubblici locali si sono fatti grandi passi avanti, sulla riforma della professioni sta succedendo 'l'ira di Dio'. Se fosse solo una legge e il sistema pero' andasse avanti, non sarei qui a lamentarmi". Ma, "il problema e' che non si muove niente c'e' un immobilismo generale".

22 novembre 2009

COOPERATIVE E SANITA'

 

Esternalizzazione negli ospedali. La spesa aumenta ed i lavoratori hanno una busta paga più leggera. Ufficialmente c’è il blocco delle assunzioni per pareggiare i conti, ma nel contempo vengono istituiti appalti milionari per le cooperative. Le Asl pagano alle cooperative la contribuzione piena ma le cooperative versano all’imps meno della metà, e si lucra sulle spalle dei lavoratori.. La Procura di Roma, dopo un servizio di Report, apre un’inchiesta nel merito. A conti fatti, alla fine, così come dimostrato dalla trasmissione anzidetta, pagare gli ausiliari delle copperative costa di più che non assumerli direttamente nell’azienda Sanitaria. A questo punto ci si potrebbe chiedere, perché!?? Ognuno si può dare una risposta. L’assessore Romano “Battaglia” firma tre protocolli d’intesa per la reinternalizzazione, ma non succede nulla, è come sbattere su un muro di gomma. Dopo tante rimostranze, sembra succeda qualcosa di buono, Piero Marrazzo, allora Presidente della Regione Lazio, oltre che pensare ai Trans,  prende in esame il problema e commissaria l’assesorato alla Sanità. Ma continua a non succedere nulla e la Cooperativa OSA si aggiudica l’appalto per i servizi di oltre 13.000.000 di Euro. E’ bastato spostare dal bilancio del blocco delle assunzioni alla voce dei “Beni e Servizi” ed ecco che il gioco è fatto. Il 5 giugno 2009 Il presidente della regione “Marrazzo” sconfessando il suo assessore alla Sanità, scrive al Vice Ministro della Salute “Fazio”, ammettendo che il personale esternalizzato delle cooperative determina un onere superiore rispetto al personale dipendente. Ecco che allora, oltre ai protocolli d’intesa, che servono giusto se si soffre di incontinenza, vengono emanate delle circolari, su cui i direttori amministrativi della Aziende ASL dovrebbero tenero conto, riguardanti proprio l’internalizzazione del personale esterno alle dirette dipendenze dell’Azienda Sanitaria. Ahimè,, credo che gli interessi opposti siano superiori a quelli della pubblica amministrazione e degli stessi lavoratori. La Corte dei Conti fa presente che la spesa così come indirizzata , con gli esternalizzati, è superiore a quella che dovrebbe essere con i lavoratori dipendenti, ma anche la corte dei Conti può sprecare il suo tempo, perché se non incide sulla responsabilità contabile degli amministratori, parlerà invano. I riferimenti di cui sopra  riguardano nello specifico la regione Lazio, ma è uguale ovunque. In Sardegna, è la medesima realtà, come dire, c’è posto per tutti. Cambierà qualcosa!!???

 


17 novembre 2009

TERMINI DEL RICORSO

Corte di Cassazione Civile sez.II 8/9/2009 n. 19340
Se l'ultimo giorno per la proposizione del ricorso cade in un giorno festivo, il termine si sposta al primo giorno feriale successivo

(omissis)
FATTO E DIRITTO
La s.r.l. () propone ricorso per la cassazione del provvedimento del 23.5.2007, con cui il giudice di pace di Torino ha dichiarato inammissibile il suo ricorso in opposizione avverso l'ordinanza ingiunzione del Prefetto che le comminava una sanzione per una violazione del codice della strada , ritenendo l'opposizione tardiva.
Il giudice dell'opposizione rilevava che la notifica del provvedimento impugnato era intervenuta il 9 marzo 2007, mentre il termine per l'opposizione scadeva l'8 aprile 2007. Il ricorso era stato inviato a mezzo posta soltanto il 10 aprile 2007, fuori termine.
L'odierno ricorrente lamenta l'errore in cui è incorso il giudice dell'opposizione, che non ha considerato che il giorno in cui veniva a scadere il termine era festivo (domenica), con conseguente proroga del termine al giorno successivo, anch'esso festivo e conseguente scadenza al giorno ulteriormente successivo, ai sensi dell'art. 155 c.p.c.. Di conseguenza l'opposizione risultava tempestiva.
Parte intimata non ha svolto attività difensiva in questa sede.
Attivatasi procedura ex art. 375 c.p.c., il consigliere relatore delegato ha depositato relazione con la quale ritiene che il ricorso possa essere accolto.
La relazione è stata comunicata al Pubblico Ministero e notificata ai difensori delle parti.
All'udienza camerale la Procura Generale ha concluso per l'accoglimento del ricorso.
La Corte condivide le conclusioni della Procura Generale e l'avviso del consigliere relatore ed osserva quanto segue.
Il provvedimento impugnato è ricorribile per cassazione, tenuto conto che il D.Lgs. n. 40 del 2006, art. 26, - applicabile nella fattispecie, essendo stata l'ordinanza gravata emessa dopo il 2 marzo 2006 (art. 27, comma 2, D.Lgs. cit.) - mentre ha modificato dalla L. n. 689 del 1981, art. 23, comma 5 ed u.c., non ha invece novellato il comma 1, con l'effetto che il provvedimenti adottati in forza di tale disposizione continuano ad essere direttamente impugnabili per cassazione.
Il termine scadeva l'8 aprile 2007, domenica (Pasqua). Il giorno successivo era festivo. La scadenza era prorogata al 10 aprile, giorno in cui fu affidato il ricorso alle poste per il deposito. Di conseguenza l'opposizione era tempestiva.

P.Q.M.
La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia ad altro magistrato dello stesso ufficio, che deciderà anche sulle spese.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ricorso

permalink | inviato da geronimo il 17/11/2009 alle 14:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 novembre 2009

RICORSI AVVERSO VERBALI E ORDINANZE DEL PREFETTO

Corte di Cassazione Civile sez.II 10/9/2009 n. 19583
Ricorso avverso verbali e ordinanze del prefetto - sospensione dei termini

(omissis)
FATTO E DIRITTO
Il giudice di pace di Milano con ordinanza del 9 novembre 2006 dichiarava inammissibile, perché tardiva, l’opposizione proposta da () spa avverso il Prefetto di Milano, per l’annullamento del verbale di contestazione di violazione del codice della strada n. (….).
La società ha proposto ricorso per Cassazione, notificato il 5 dicembre 2007, al quale l’Amministrazione ha resistito con controricorso.
Il giudice relatore, rilevata la ricorribilità per Cassazione dell'ordinanza L. n. 689 del 1981, ex art. 1 anche dopo la riforma di cui al D.Lgs. n. 40 del 2006, ha avviato la causa a decisione con il rito previsto per il procedimento in camera di consiglio, rilevando la manifesta fondatezza del ricorso.
Il ricorso lamenta violazione dell'art. 204 bis C.d.S., della L. n. 689 del 1981, art. 22 e della L. n. 742 del 1969, art. 1 per avere ritenuto tardivo il ricorso proposto il 7 novembre 2006, benché l’opposizione fosse stata depositata il 27 luglio 2006. Deduce la mancata applicazione della sospensione feriale dei termini.
Il ricorso è fondato.
Contrariamente a quanto dedotto in controricorso, il trasgressore, ove non abbia provveduto al pagamento in misura ridotta della sanzione può, in alternativa al ricorso amministrativo al Prefetto, rivolgersi con opposizione L. n. 689 del 1981, ex artt. 22 e 23 al giudice di pace territorialmente competente per impugnare il verbale di accertamento dell'infrazione.
Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che: "Il termine per impugnare in sede giurisdizionale il verbale di accertamento, trattandosi dell'esperimento di un rimedio alternativo al ricorso amministrativo, è il medesimo previsto per tale ricorso, e cioè di sessanta giorni, ed è sospeso durante il periodo feriale" (Cass. 13127/04; 18552/04; 8949/05).
Pertanto il termine per l’opposizione, decorrente dalla data di notifica del 27 luglio 2 006, interrotto dopo 4 giorni (dal 1 agosto al 15 settembre 2006), veniva a scadere 56 giorni dopo l’esaurimento del periodo feriale: il 10 novembre 2006. Nelle more l’istante ha depositato l’opposizione, che il giudice di pace ha dichiarato erroneamente tardiva con l’affrettato provvedimento del 9 novembre 2006. Discende da quanto esposto l’accoglimento del ricorso.
La sentenza impugnata va cassata e la causa rinviata ad altro giudice di pace di Milano, che darà corso al giudizio di opposizione e in sede di rinvio liquiderà anche le spese di questo giudizio.

P.Q.M.
Accoglie il ricorso. Cassa la ordinanza impugnata e rinvia ad altro giudice di pace di Milano, che provvederà anche sulla liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ricorso

permalink | inviato da geronimo il 16/11/2009 alle 14:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        dicembre