.
Annunci online

 
GERONIMO 
PENSIERI E SERVIZI
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  FORUM
forum dei militari
--------oooo0oooo--------
BLOG
http://blog.solignani.it/
worldtv.com/geronimo/
http://it.youtube.com/goast2004
http://www.myspace.com/Antonio
Beppe Grillo
--------oooo0oooo--------
MISTERI ITALIANI
tibereide
Paolo Franceschetti
disinformazione
misteri d'Italia
agente segreto g.71
Fabio piselli
--------oooo0oooo--------
SITI ISTITUZIONALI
senato
camera dei deputati
consiglio dei ministri
ministero affari esteri
ministero dell'interno
ministero dei trasporti
ministero grazia e giustizia
ministero della salute
ministero della difesa
ministero del tesoro
ministero dello sviluppo economico
ministero delle finanze
ministero del lavoro, salute, politiche sociali
minstero dell'ambiente
ministero dei beni culturali
ministero della pubblica istruzione
ministero politiche agricole
Ministero per il commercio estero
Ministero dell'Università e delle ricerche
Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione
istituo poligrafico dello Stato
istituto superiore sanità
a.i.p.a.
c.n.r.
istat
consiglio di Stato
--------oooo0oooo--------
GIORNALI
ansa
effedieffe
il sole 24 ore
il giornale
il sardegna
zeusnews
il foglio
la Stampa
il riformista
  cerca

  In classifica

classifica

 


 

 

 

 

   

Utilità ed accessori

Ricerca codici C.A.P.
Autocertificazioni on-line
Caselle E-Mail gratis
La Patente a Punti
Calendario perpetuo
Ora esatta e Fusi orario
Prefissi Italiani  » Esteri

Calcolatrice»

Scientifica

Strumenti Economici e   Fiscali

Calcolo Codice Fiscale
Converti le Valute
Rate Mutuo e Prestiti

Calcolo Interessi Legali

Salute e Benessere

Le Diete gratuite
Valutazione del Peso
Calorie degli Alimenti
Piramide Alimentare
Composizione Alimenti
Calorie  » Nello Sport

Frutta di Stagione»Verdura

Strumenti Curiosità e Svago

Quoziente Intellettivo
Affinità di Coppia»Astrale
Esistenza precedente
Lettura della Mano
Calcolo dei Bioritmi
Num. Lotto»Num. Fortunato
 

    Strumenti utili

Traduci on-line
Parole scrittura
anonimi in internet
sms gratis
Software per PC
Quotidiani lettura
 

 


 

 

ENTI  GOVERNATIVI E  PREVIDENZIALI



Homepage

 

 

 A.N.A.V.A.F.A.F.

ASS. NAZ. ITALIANA ASSISTENZA VITTIME ARRUOLATE NELLE FORZE ARMATE E FAMIGLIE DEI CADUTI

Responsabile locale

Avv. Antonio Siffu 

 

  

SUL FILO DEL DIRITTO

 Normattiva Il portale della legge vigente

logo del sito

HandyLex.org

Kataweb, Soluzioni quotidiane

dalla tua parte

 

 M O D U L I


 PATENTE  


AmbienteDiritto.it


 

 

 

ASSOCIAZIONI DIFESA DEI CITTADINI

 

DANNO MEDICO 

 

CINOFILIA addestramento ed educazione comportamentale

Pitbull

 

meinstaff Siria

 

 

 

 Registra il tuo sito nei motori di ricerca 

 

 

  

 


 

Diario | news | sicurezza | Cani | politica | sport | musica | annunci | diritto e diritti | Sanità e salute | curiosità | segnalazioni | Computer e internet | militarpolice | lavoro | L'automobilista | Commercio e P.S. | ELENCO ALFABETICO POST |
 
Diario
1visite.

30 marzo 2009

FIRMA DIGITALE

 Con il recepimento della Direttiva europea sulle firme elettroniche 1999/93/CE le cose sono cambiate. Difatti, già il primo provvedimento legislativo, il DLGS 23 gennaio 2002, n.10, modificando l’articolo 10 (L) “ Forma ed efficacia del documento informatico” del DPR 28 dicembre 2000, n.445 – dove era confluito il DPR 10 novembre 1997, n.513 – modificava, rafforzandolo, il valore giuridico di una sottoscrizione effettuata con firma digitale. Detto articolo, al comma 3, prescrive che “ Il documento informatico, quando è sottoscritto con firma digitale o con un altro tipo di firma elettronica avanzata, e la firma è basata su di un certificato qualificato ed è generata mediante un dispositivo per la creazione di una firma sicura, fa inoltre piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni da chi l’ha sottoscritto

Quindi, alla sottoscrizione con firma digitale “forte” (quella che possiede le seguenti caratteristiche: 1- è unafirma elettronica avanzata, 2- è basata su un certificato qualificato, 3- è generata per mezzo di undispositivo sicuro per la generazione delle firme) viene data la medesima validità giuridica di una firma autografa autenticata da un pubblico ufficiale.

A tutte le altre possibili tipologie di firme elettroniche, cioè quelle cui mancano uno o più delle tre caratteristiche indicate nel periodo precedente, viene esplicitamente conferito valore probatorio.

In un procedimento legale tali firme elettroniche dovranno essere di volta in volta analizzate dal giudice (che si avvarrà certamente di un perito) che deciderà se ammetterle quali prove in giudizio.

Questa previsione, che è stata resa esplicita per recepire senza dubbio alcuno quanto prescritto dalla Direttiva europea, era già presente nel nostro codice civile in quanto, lo stesso, prevede che nessuna prova in giudizio possa essere ricusata a priori.

 

 

28 marzo 2009

SEMAFORO ROSSO

 

ROMA (27 marzo) - Quando si passa con il rosso non basta la foto delle telecamere per il controllo della velocità: deve esserci un vigile presente che sta effettuando i controlli al quale si può fare anche una contestazione immediata. Lo stabilisce la sentenza n. 7388 della seconda Sezione civile della Cassazione che ha annullato la multa ad un cittadino di Modena che si era visto recapitare un verbale per essere passato col rosso la cui infrazione era stata fotografata dall'apparecchio “Fhotored” (un sistema simile a quello dell'autovelox).
Lorenzo S., inoltre, non aveva potuto fare obiezioni immediate dato che non c'era alcun vigile vigile a contestargli l'infrazione. Il cittadino, quindi, ha fatto ricorso in Cassazione che ha poi annullato la sentenza del giudice di pace di Modena confermativa della multa. Scrivono i giudici del Palazzaccio: «La mancata presenza in loco di agenti operanti per un verso preclude la possibilità di contestazione immediata nei casi in cui ciò sia possibile, così eludendo il precetto legislativo al riguardo e, per altro verso, non consente di verificare le concrete situazioni in cui l'apparecchio di rilevamento automatico opera, consentendo possibili equivoci, non risolubili con certezza, proprio l'assenza degli agenti sul posto».


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. semaforo automobilista

permalink | inviato da geronimo il 28/3/2009 alle 9:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

25 marzo 2009

L'ARMA NON PUO' VIETARE AI SUOI MILITARI DI SVOLGERE LA PRATICA LEGALE

Cassazione sez. unite n. 28170 del 26 novembre 2008.

Pratica legale: può essere svolta dagli appartenenti alle forze di polizia. Così ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione pronunciandosi, a Sezioni unite, in ordine al ricorso di un carabiniere al quale era stata negata la possibilità di svolgere il biennio di pratica legale, propedeutico allo svolgimento dell’esame di Stato per avvocato. Ovviamente l’unico limite rimane quello per cui il praticante avvocato, appartenente alle forze di polizia, non potrà chiedere l’ammissione al patrocinio legale.

In effetti, sebbene il dipendente pubblico possa svolgere il praticantato non potra comunque svolgere l'attività di avvocato. Corte Costituzionale 23/07/2009, n. 91.

 Mahh!!!  Chissà perchè per molti L'Arma dei Carabinieri è quella rappresentata nella fiction televisiva!!!

 



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. carabiniere

permalink | inviato da geronimo il 25/3/2009 alle 12:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

24 marzo 2009

CANI - ORDINANZA DEL 3/3/2009

 

Ordinanza Ministero del lavoro, salute e politiche sociali 3/3/2009
Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani
(G.U. 23/3/2009 n. 68)

Articolo 1

1. Il proprietario di un cane e' sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell'animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni a persone, animali e cose provocati dall'animale stesso.
2. Chiunque, a qualsiasi titolo, accetti di detenere un cane non di sua proprieta' ne assume la responsabilita' per il relativo periodo.
3. Ai fini della prevenzione dei danni o lesioni a persone, animali o cose il proprietario e il detentore di un cane devono adottare le seguenti misure:
a) utilizzare sempre il guinzaglio ad una misura non superiore a mt 1,50 durante la conduzione dell'animale nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico, fatte salve le aree per cani individuate dai comuni;
b) portare con se' una museruola, rigida o morbida, da applicare al cane in caso di rischio per l'incolumita' di persone o animali o su richiesta delle Autorita' competenti;
c) affidare il cane a persone in grado di gestirlo correttamente;
d) acquisire un cane assumendo informazioni sulle sue caratteristiche fisiche ed etologiche nonche' sulle norme in vigore;
e) assicurare che il cane abbia un comportamento adeguato alle specifiche esigenze di convivenza con persone e animali rispetto al contesto in cui vive.
4. Vengono istituiti percorsi formativi per i proprietari di cani con rilascio di specifica attestazione denominata patentino. Detti percorsi sono organizzati da parte dei comuni congiuntamente con le aziende sanitarie locali, in collaborazione con gli ordini professionali dei medici veterinari, le facolta' di medicina veterinaria, le associazioni veterinarie e le associazioni di protezione degli animali.
5. Il medico veterinario libero professionista informa i proprietari di cani in merito alla disponibilita' di percorsi formativi e, nell'interesse della salute pubblica, segnala ai servizi veterinari della ASL la presenza, tra i suoi assistiti, di cani che richiedono una valutazione comportamentale, in quanto impegnativi per la corretta gestione ai fini della tutela dell'incolumita' pubblica.
6. I comuni in collaborazione con i servizi veterinari, sulla base dell'anagrafe canina regionale decidono, nell'ambito del loro compito di tutela dell'incolumita' pubblica, quali proprietari di cani hanno l'obbligo di svolgere i percorsi formativi. Le spese riguardanti i percorsi formativi sono a carico del proprietario del cane.
7. Il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali con proprio decreto, emanato entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della presente ordinanza, stabilisce i criteri e le linee guida per la programmazione dei corsi di cui al comma 4.

Articolo 2

1. Sono vietati:
a) l'addestramento di cani che ne esalti l'aggressivita';
b) qualsiasi operazione di selezione o di incrocio di cani con lo scopo di svilupparne l'aggressivita';
c) la sottoposizione di cani a doping, cosi' come definito all'art. 1, commi 2 e 3, della legge 14 dicembre 2000, n. 376;
d) gli interventi chirurgici destinati a modificare la morfologia di un cane o non finalizzati a scopi curativi, con particolare riferimento a:
1) recisione delle corde vocali;
2) taglio delle orecchie;
3) taglio della coda, fatta eccezione per i cani appartenenti alle razze canine riconosciute alla F.C.I. con caudotomia prevista dallo standard, sino all'emanazione di una legge di divieto generale specifica in materia. Il taglio della coda, ove consentito, deve essere eseguito e certificato da un medico veterinario, entro la prima settimana di vita dell'animale;
e) la vendita e la commercializzazione di cani sottoposti agli interventi chirurgici di cui alla lettera d).
2. Gli interventi chirurgici su corde vocali, orecchie e coda sono consentiti esclusivamente con finalita' curative e con modalita' conservative certificate da un medico veterinario. Il certificato veterinario segue l'animale e deve essere presentato ogniqualvolta richiesto dalle autorita' competenti.
3. Gli interventi chirurgici effettuati in violazione al presente articolo sono da considerarsi maltrattamento animale ai sensi dell'articolo 544-ter del codice penale.
4. E' fatto obbligo a chiunque conduca il cane in ambito urbano raccoglierne le feci e avere con se' strumenti idonei alla raccolta delle stesse.

Articolo 3

1. Fatto salvo quanto stabilito dagli articoli 86 e 87 del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320 «Regolamento di Polizia veterinaria», a seguito di morsicatura od aggressione i Servizi veterinari sono tenuti ad attivare un percorso mirato all'accertamento delle condizioni psicofisiche dell'animale e della corretta gestione da parte del proprietario.
2. I Servizi veterinari, nel caso di rilevazione di rischio potenziale elevato, in base alla gravita' delle eventuali lesioni provocate a persone, animali o cose, stabiliscono le misure di prevenzione e la necessita' di un intervento terapeutico comportamentale da parte di medici veterinari esperti in comportamento animale.
3. I Servizi veterinari devono tenere un registro aggiornato dei cani identificati ai sensi del comma 2.
4. I proprietari dei cani inseriti nel registro di cui al comma 3 provvedono a stipulare una polizza di assicurazione di responsabilita' civile per danni contro terzi causati dal proprio cane e devono applicare sempre sia il guinzaglio che la museruola al cane quando si trova in aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico.

Articolo 4

1. E' vietato possedere o detenere cani registrati ai sensi dell'art. 3, comma 3:
a) ai delinquenti abituali o per tendenza;
b) a chi e' sottoposto a misure di prevenzione personale o a misura di sicurezza personale;
c) a chiunque abbia riportato condanna, anche non definitiva, per delitto non colposo contro la persona o contro il patrimonio, punibile con la reclusione superiore a due anni;
d) a chiunque abbia riportato condanna, anche non definitiva o decreto penale di condanna, per i reati di cui agli articoli 727, 544-ter, 544-quater, 544-quinquies del codice penale e, per quelli previsti dall'art. 2 della legge 20 luglio 2004, n. 189;
e) ai minori di 18 anni, agli interdetti ed agli inabili per infermita' di mente.

Articolo 5

1. La presente ordinanza non si applica ai cani in dotazione alle Forze armate, di Polizia, di Protezione civile e dei Vigili del fuoco.
2. Le disposizioni di cui all'art. 1, comma 3, lettere a) e b) e all'art. 2, comma 4 non si applicano ai cani addestrati a sostegno delle persone diversamente abili.
3. Le disposizioni di cui all'art. 1, comma 3, lettere a) e b) non si applicano ai cani a guardia e a conduzione delle greggi e ad altre tipologie di cani comunque individuate con proprio atto dalle regioni o dai comuni.

Articolo 6

1. Le violazioni delle disposizioni della presente ordinanza sono sanzionate dalle competenti Autorita' secondo le disposizioni in vigore.

Articolo 7

1. La presente ordinanza ha efficacia per 24 mesi a decorrere dal giorno della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
La presente ordinanza e' trasmessa alla Corte dei conti per la registrazione.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ordinanza

permalink | inviato da geronimo il 24/3/2009 alle 20:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 marzo 2009

LETTERA AL SINDACO

 Il blog ospita anche segnalazioni e lettere esterne, che, per consuetudine, pubblico regolarmente.

La giunta Tedde cosa ha fatto di concreto

Sono un cittadino algherese, si, ma uno di quelli(forse non ancora molti), che non si riconoscono nella denominazione dataci a suo tempo da re Carlo v d’Aragona, quando attorno al sedicesimo secolo, affacciatosi da un balcone in un palazzo di Piazza Civica, ci onorò tutti quanti assegnandoci il titolo nobiliare di “ Caballeros “.

A distanza di alcuni secoli , purtroppo, noto che lo stato d’essere, dato da quel titolo, ancora pervade la mente e l’anima di molti di noi, quel tanto che basta per darci quell’aria di superiorità con un misto di gelosie e invidie gli uni verso gli altri, e di conseguenza anche nei confronti di chi pacificamente (e meno male dico io ) viene a visitare la nostra meravigliosa cittadina.

Parto da queste ultime due parole per rifarmi al titolo iniziale di questa mia lettera, e poter affermare a mio modesto parere, che questa Giunta comunale ha fatto poco o niente rispetto a quelle che sono le effettive emergenze della città.

Esimio Signor Sindaco Tedde, mi rivolgo a Lei con il dovuto rispetto, ma anche con convinzione per dirle che è inutile costruire una bellissima passeggiata ( come la Bousquet ), che tutti ci invidiano, quando tutt’attorno mancano i servizi minimi e necessari per renderla funzionale al massimo,come: toilette pubbliche; strutture ricettive alla portata di tutti, e non di una piccole lobby di persone; personale idoneo e accogliente che parli almeno due lingue e poter dare così le giuste indicazioni al turista che ne avesse bisogno (a tal caso non sarebbero male anche dei corsi di linguali nostri cari Vigili Urbani ) e tanto altro.

A tale riguardo vorrei ricordare al nostro Signor Sindaco, il quale è stato eletto in maniera plebiscitaria con circa il 65% dei voti ( questo ci ricorda che i famosi Caballeros o presunti tali in città sono ancora molti ) che Alghero non è solamente rappresentato dal centro storico, con le sue bellezze architettoniche e naturalistiche, ma anche e soprattutto dalle varie periferie, dove l’incuranza di questa giunta con la sua incapacità sta facendole lentamente morire in quanto trascurate in tutti quelli che sono gli aspetti legati ai servizi ( vedi la strada ad alto rischio incidenti, e senza lampioni in località La Scaletta ) giusta per citarne una, o senza un minimo di esercizi commerciali ( vedi il quartiere Il Carmine, sempre per citarne uno ), nel quale manca tutto, e tutto è lasciato all’incuranza generale così come fu costruito circa venti anni fa.

Il concetto che voglio esprimere in conclusione è, che è molto facile farsi belli lavorando su qualcosa che è già bello di per sé, ma così non si agevola certo tutto il resto della popolazione e dei commercianti che vivono ai margini e che vedono sempre di più una male distribuzione della ricchezza a loro svantaggio, ma per contro a vantaggio esclusivo di quei pochi commercianti che hanno la fortuna di avere un esercizio commerciale all’interno delle vecchie mura chiamate BASTIONI.. Con l’augurarle buon lavoro, Signor Sindaco, se gli rimane un po’ di tempo a disposizione rifletta insieme alla sua giunta a quelle che sono state le parole di un semplice cittadino S A R D O.

LETTERA FIRMATA


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica

permalink | inviato da geronimo il 24/3/2009 alle 19:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 marzo 2009

QUANDO LA SANITA' LASCIA L'AMARO IN BOCCA

Così come mi perviene pubblico la seguente lettera, ove si percepisce lo sfogo di un cittadino che si lamenta  del mal funzionamento di una ramo della pubblica amministrazione più delicato,  la Sanità pubblica.

                Lettera alla Nuova Sardegna

 

 

                        Sanità Algherese, che fare?

 

Oramai non si sa più a che Santo votarsi, dato che anche le tanto agognate e discusse elezioni Regionali hanno avuto il loro compimento, e, come si dice quel che è stato è stato, e chi ha avuto ha avuto, (eccome se lo ha avuto).

Adesso sarebbe come da copione, il momento di passare ai fatti, ma quali fatti se io, che lavoro presso il Presidio Ospedaliero del Civile, è da anni che aspetto questo cambiamento di rotta, almeno nelle coscienze delle persone, ma è stato come aspettare GODOT, il quale come ben sapete Non arriverà mai, in quanto frutto della immaginazione delle persone.

Dire che la Sanità algherese è in piena emergenza e difficoltà a mio parere sarebbe come appellarsi a un eufemismo e cercherò nel mio piccolo di spiegarvi il perché.

Come ben sappiamo, il comparto della Sanità, è quello che più di ogni altro ti fa capire l’andamento delle cose in uno Stato(democratico)in cui viviamo, ho messo tra parentesi democratico, in quanto penso che di quella parola siano rimaste solamente le briciole e alcuni vizi di forma che ancora si perpetuano nel tempo.

Ma andiamo subito al nocciolo della mia riflessione, e mi chiedo: “come fa un ospedale come il Civile di Alghero ad essere funzionale in tutte le sue attività”, quando a mio modestissimo avviso ormai da diversi anni mancano del tutto, (o in buona parte), le figure professionali giuste al posto giusto( e parlo ad ogni livello professionale),che invece di prendersi a cuore le varie problematiche ospedaliere e di collaborare tra loro per risolverle, non fanno altro che calunniarsi a vicenda, scaricando ognuno le proprie responsabilità sull’altro per cercare di scavalcare posizioni, per poter ambire a quella giusta di potere , per deridere ancora di più l’altro visto come nemico-antagonista e non come collaboratore nella risoluzione del problema.

E’ evidente che tutto questo spreco di energia da parte di chi ha un ruolo di responsabilità, impedisce agli stessi, di non pensare minimamente a quelli che sono le funzioni e i problemi principali esistenti in ogni reparto. La conseguenza più logica ed evidente in questo stato di cose, è come sempre che a rimetterci è il povero paziente, che magari giace in barella sbattuto in qualche sala di degenza(per lo più nel reparto Medicina, ormai diventato vera e propria Geriatria), in attesa che si liberi un posto letto che nella condizione odierna è come aver fatto un quattordici al totocalcio.

A queste carenze croniche di natura logistica, si aggiunge poi il fatto, secondo me ancora più grave, non di mancanza di personale, come ci vogliono far credere le varie sigle sindacali, dalle quali io personalmente mi sono allontanato, di una vera e propria confusione di ruoli e di una occupazione indebita di poltrone da parte di vari personaggi, che non ne avrebbero addirittura neanche il titolo giusto; vedi ausiliari che fanno gli amministrativi , o pensano di esserlo senza avere tra l’altro un'deguata preparazione per assolvere quella mansione; vedi diversi infermieri professionali collocati in reparti o laboratori senza un effettivo bisogno della loro presenza, lasciandone così scoperti altri dove invece tali figure sarebbero state indispensabili; ultimi ma non per importanza e numero l’esercito di generici aspiranti elettricisti, muratori portinai etc. i quali li trovi sempre un po’ dappertutto tranne che sul luogo di lavoro ove ce ne fosse bisogno. 

Tutto ciò finora detto lascia presupporre un cattivo ed inefficace ottimizzazione e coordinamento del personale , sia esso infermieristico, medico e paramedico. Per rendere ancora più comprensibile e credibile tutto ciò suddetto citato vi faccio un piccolo esempio di come i reparti siano male organizzati. Prendiamo in esame la situazione del reparto Laboratorio Analisi: in esso lavorano circa dici medici, dieci tecnici con un rapporto fra loro di uno a uno( cosa inammissibile), ancora quattro infermiere professionali ed infine un ausiliario della Coop. Elleuno, il quale cosa ancora più inammissibile è costretto a coprire i due turni facendo quattro ore la mattina e due la sera (infatti mi sa che sia l’unico ausiliario di tutte le otto A.S.L. della Sardegna a dover fare il rientro serale tutti i giorni della settimana, senza parlare delle condizioni in cui è costretto a lavorare. Concludo questa mia lettera , che spero vivamente voi abbiate il coraggio di pubblicare, non perché non abbia più altro da dire anzi,ma perché forse in maniera un po’ pessimistica penso che anche questa lettera a voi inviata, se pur pubblicata non riesca haimè, a toccare la coscienza delle persone, quelle che dovrebbero porre rimedio a questo stato di cose e alle quali però mi appello affinché qualcosa si smuova e prenda corpo(mi riferisco in particolare ai nostri tre politici che militano in consiglio regionale)e che si riesca almeno in futuro a far rispettare a chiunque quel minimo di regole che svilisca l’Anarchia attuale e ci faccia continuare a sperare che la meritocrazia un giorno riprenda il posto che le spetta.

 

 

 

20 marzo 2009

ALCUNI HANNO LA FAMA, ALTRI TESSONO LANA

Subito dopo aver terminato i suoi studi, l'ingegnere svizzero Maurizio Koechlin fu impiegato da una compagnia di costruzioni francese. Lavorando in quell'impresa dimostrò la sua competenza. Tuttavia, la vera prova per lui fu la realizzazione di un progetto a Parigi per la costruzione dell'esposizione centenaria del 1889, in occasione dell'anniversario della rivoluzione fracese. Una famosa costruzione di ferro, alta 300 metri, oggi è lì, nel Campo di Marte, frutto del suo talento, ingiustamente battezzata dai posteri con il solo nome del costruttore Gustavo Eiffel. Tutto il mondo la conosce come la torre Eiffel.
Pare che da qui nasca il detto:" alcuni hanno la fama, altri tessono la lana".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. curiosità

permalink | inviato da geronimo il 20/3/2009 alle 7:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

19 marzo 2009

666 il numero della bestia

Il numero civico della casa era il 600. L'ora dell'evento: le dodici della notte. Dentro la casa c'erano sei adolescenti: tre ragazze e tre giovani, tutti figli di famiglie benestanti e tutti studenti. All'improvviso si armò una sparatoria tra essi. Le tre ragazze caddero a terra con ferite mortali alla testa.  I tre giovani fuggirono impauriti. Una sola pista ebbe la polizia: nella casa c'erano sessanta lattine vuote di birra.

Casualmente si formò in questo giallo poliziesco il celebre numero biblico 666. Il numero della casa era 600. Sessanta lattine vuote di birra, ed erano 6 i giovani inclusi nella sparatoria.
Secondo alcuni intepreti biblici il 666, il numero della bestia si riferisce ad un sistema umano mondiale che comprende religione, cultura, scienza, filosofia, ingegneria genetica e sociale e che si propone di negare la sovranità di Dio, essere indifferente alle sue leggi morali e smentire la sua influenza sull'umanità. 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. curiosità

permalink | inviato da geronimo il 19/3/2009 alle 20:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

18 marzo 2009

ARIA PAZIENZA E FEDE

 

Il lavoro era difficile e pericoloso, ma Josè Galvàn, di quarantanove anni e padre di tre figli, era abituato a farlo e non aveva paura. Infatti, erano ormai venti anni che lavorava come palombaro sulle coste del Venezuela. Quel giorno Josè era sceso ventisei metri sotto la superficie dell’acqua per rinforzare i cavi di appoggio di un immenso tubo di cemento, quando improvvisamente i cavi cedettero ed il tubo, che pesava circa venti tonnellate, colpì il casco di ferro di Galvàn affondando quest’ultimo negli abissi. Questo casco non proteggeva solo la testa del palombaro, ma anche i tubi di gomma, che somministravano l’ossigeno vitale per Galvàn. Josè Galvàn non poteva muoversi. Era intrappolato completamente indifeso ed immobile, nella profondità dell’oceano. Quasi immediatamente incominciò l’operazione di salvataggio. Passarono tre ore prima che Galvàn fosse liberato e portato in superficie. Quando Galvàn raccontò quello che aveva contribuito a salvargli la vita disse:”Ho chiesto a Dio che non mi mancasse aria, pazienza e fede”.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Diario

permalink | inviato da geronimo il 18/3/2009 alle 8:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 marzo 2009

VIRUS LETALE

Ho rcevuto una e.mail da persona conosciuta, che, sebbene non verificata sulla veridicità del contenuto, ho ritenuto pubblicarla perchè penso che prevenire sia sempre meglio che curare.


dì a tutti i tuoi contatti della tua lista, di non accettare nè il contatto peteivan@hotmail.com nè un video di Bush. In realtà SI TRATTA DI un HACKER , formatta il computer, ti cancella i contatti e ti toglie la password alla posta elettronica. ATTENZIONE, se i tuoi contatti lo accettano, pure tu lo prenderai, così invia il messaggio urgentemente a tutti, questo è di molta importanza, semplicemente FAI "copia e incolla". URGENTISSIMO! PER FAVORE, INVIA QUESTO AVVISO A TUTTI I TUOI CONTATTI!!! Nei prossimi giorni devi stare attento: Non aprire nessun messaggio con un allegato chiamato:”Invito”, indipendentemente da chi te lo invia. E' un virus che BRUCIA tutto l'hard disk del computer. Questo virus verrà da una persona conosciuta che ti aveva nei contatti. E' per questo che devi inviare questo messaggio ai tuoi contatti..
E' preferibile ricevere questo messaggio 25 volte che ricevere il virus e aprirlo. Se ricevi il messaggio
chiamato: Invito, anche se è inviato da un amico, non aprirlo e spegni subito il computer. E' il peggior virus annunciato dalla CNN. 'Un nuovo virus è stato scoperto recentemente ed è stato classificato da Microsoft come il virus più distruttivo che sia MAI esistito. Questo virus è stato scoperto ieri pomeriggio dalla Mc Afee e non c'è rimedio contro questa classe di virus. Questo virus distrugge semplicemente il Settore Zero dell'Hard Disk, dove le informazioni vitali della sua funzione vengono conservate.
INVIA QUESTA E-MAIL A CHI CONOSCI.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. computer e internet

permalink | inviato da geronimo il 16/3/2009 alle 0:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

15 marzo 2009

L'AMMINISTRATORE DEL CONDOMINIO

 

Ho vissuto sempre in una casa ove i problemi del condominio venivano superati dall’esiguo numero degli appartamenti e la gestione era finalizzata esclusivamente al pagamento della luce delle scale ed alla pulizia delle stesse. Da qualche anno ho deciso di andare a vivere in campagna , sennonché, il problema che non avevo mai vissuto prima, è sorto proprio ove credevo non esistesse. La nomina di un amministratore esterno cui affidare la gestione della strada privata di proprietà dei titolari dei lotti di terreno, per finalizzare alcune opere e gestirne l’ordine. Quello che pensavo non avrei mai dovuto affrontare nell’andare a vivere in campagna diventava così la problematica principale. Eccoci arrivati alla nomina del terzo amministratore, tutti sfiancati dalle controversie interne dei proprietari dei lotti ma ligi a presentare e ricevere la nota spese della gestione dell’amministrazione. L’ultimo amministratore ha creato delle difficoltà nel rilasciare la documentazione all’amministratore subentrante.

Ecco alcune regole che possono interessare:

“L’amministratore , in virtù del suo mandato, è tenuto a conservare e consegnare, in caso di sua revoca, tutti i verbali delle assemblee e tutte le ricevute di pagamento effettuate dai condomini, regolamento, elenco dei condomini e tutte le carte inerenti. Lo smarrimento di questi documenti deve essere tempestivamente denunciato dall’amministratore e può comunque portare ad un contenzioso per il risarcimento del danno subito dal condominio”.

Leggermente diversa e se trattiamo la documentazione contabile, riguardante i rapporti con i terzi fornitori (es.: pulizia scale, elettricista, enti erogatori servizi di luce, gas, ecc.). In questi casi gli obblighi dell’amministratore sono limitati al tempo di prescrizione dei rapporti giuridici sottostanti. Maturata la prescrizione del diritto sotteso, che a seconda dei casi varia da cinque anni a dieci anni, l’amministratore in carica non ha più alcun obbligo giuridico di conservare i relativi documenti.

A tal proposito enumeriamo due ipotesi raffigurabili:

 

a) la mancata consegna della documentazione nel passaggio di gestione da un amministratore ad un altro;

b) la richiesta di prendere visione delle carte da parte del condominio.

 

Nel primo caso, fatta salva la possibilita' di chiedere un risarcimento laddove vi sia danno, il condominio nella persona dell'amministratore subentrante puo' chiedere, con un'azione giudiziaria, la restituzione della documentazione mancante e non consegnata dall'amministratore uscente.
Per cio' che concerne il secondo caso, e' utile sottolineare che il condomino ha sempre diritto a prendere visione della documentazione condominiale. A seconda delle circostanze, pero', variano tempi modi ed effetti. Cosi' se il condomino vuole visionare le carte prima di un'assemblea per informarsi della situazione e l'amministratore glielo impedisce, la delibera e' da considerarsi annullabile (cosi' Cass. n. 12650 del 2008). La ragione sta nel fatto che si considera leso il diritto alla corretta informazione e formazione del consenso. A parte il periodo che precede l'assemblea, il condomino ha sempre diritto di prendere visione ed estrarre la documentazione condominiale. La sentenza n.15159 del 2001 della Corte di Cassazione dice, infatti, che ogni condomino ha diritto ad avere accesso e ad estrarre copia della contabilita' condominiale. Tuttavia a proprie spese e senza creare intralcio all'attivita' dell'amministratore.

 

10 marzo 2009

INPDAP - TRATTENERE DENARO INDEBITAMENTE PERCEPITO - RICORSO

Succede a volte che, in buona fede, si percepiscano somme di denaro non dovute e, solo successivamente, l'ente creditore  richiede indietro quanto versato, con trattenute mensili. A tal proposito giova ricordare che i ricorsi presso la Corte dei Conti non necessitano di patrocinio legale. Si allega pertanto un modello esemplificativo per resistere all'azione di chi una volta commesso l'errore cerca di ricorrere ai ripari a danno del pensionato.
 

CORTE DEI CONTI

SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA SARDEGNA

 

Ricorso avverso il decreto di recupero di indebito pensionistico.

per

Il Sig.____________, nato in Italia a _________________ il 25 a ________________res. a______________ via _______________________________, C.F. ___________________;

Ricorrente

Contro

Direzione provinciale INPDAP, via Sardegna nr. 25, 07100 Sassari;

Resistente

******

OGGETTO:- decreto di recupero di indebito pensionistico di euro _______, Prot.llo nr.

datato _____________________, della Sede Provinciale di Sassari dell’INPDAP;

Fatto

In data ___________, il ricorrente è stato collocato in congedo assoluto per infermità con il grado di ____________ e diritto a pensione identificata nella posizione nr. ______;

Per ben 4 anni e 5 mesi gli è stato corrisposto un trattamento di quiescenza provvisorio;

In data _______________ la sede INPDAP resistente, emetteva dispositivo di recupero indebito pensionistico di euro 7.000 per somme indebitamente percepite a causa di una corresponsione NON OCCULATA da parte dell’ente deputato al calcolo e alla corresponsione all’avente diritto;

In data _____________ l’odierno ricorrente a mezzo A/R costituiva in mora l’amministrazione resistente diffidandola a sospendere il provvedimento adottato nei confronti della sua posizione pensionistica;

In data _________, l’amministrazione resistente rispondeva con missiva all’odierno ricorrente che il recupero sarebbe stato confermato, giustificando la decisione che se pur esistendo giurisprudenza in materia ad avallo della richiesta formulata dall’odierno ricorrente, le sentenze non erano applicabili “Erga Omnes”

Diritto

Pertanto si contesta l’irripetibilità dell’indebito pensionistico;

Chiede che

l`Ill.ma Corte dei Conti adita, voglia accogliere le seguenti:

Conclusioni

contrariis rejectis,

immediata sospensiva dell’addebito

restituzione delle somme indebitamente trattenute

rivalutazione e interessi di legge su quanto arbitrariamente trattenuto

Si allegano i seguenti documenti in copia fotostatica:

Copia del provvedimento emesso dall’INPDAP sede di Sassari;

Copia della messa in mora da parte del ricorrente;

Copia della risposta alla messa in mora.

Sassari, lì _______________

            In fede

 

9 marzo 2009

DONNE - APPOGGI INSICURI

 

Otto marzo, la festa della donna viene strumentalizzata per svariati fini, politici, regiliosi, etcc..

In piedi, in un sovraffollato autobus urbano, dopo un giorno di faticoso lavoro, una donna ritornava a casa sua. Mentre percorreva le strade piene di buchi, il veicolo oscillava così violentemente che per mantenere l'equilibrio, la donna si resse ad una sbarra di metallo, credendo fosse uno dei supporti dell'autobus. Per varie soste segui tranquilla e fiduciosamente appoggiata, fino a che un passeggero si accostò a lei per scendere e le disse:" signora mi perdoni, ma devo scendere qui." Solo allora la donna si rese conto che, per tutto il viaggio, si era appoggiata ad un tubo che il passeggero trasportava ed aveva tenuto verticalmente per non scomodare gli altri. Si era sentita sicura, per essendosi afferrata ad un appoggio così insicuro!

riesci a dare un significato?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diario

permalink | inviato da geronimo il 9/3/2009 alle 11:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

8 marzo 2009

CANONE RAI - DI TUTTO DI PIU'

 

 

Anche se abbiamo inviato alla RAI Una raccomandata per disdire il canone o per spiegare perché non siamo tenuti a pagarlo, può capitare che arrivi puntualmente il cedolino da pagare accompagnato da una serie di lettere dai toni man mano più minacciosi.

In questo caso scarichiamo e compiliamo con i nostri dati il modello di lettera che troviamo alla pagina http://www.aduc.it/dyn/sosonline/modulistica/modu_mostra.php?Scheda=40167 . In sostanza nella lettera si ribadisce che non dobbiamo pagare il canone visto che non abbiamo la TV.

In genere riceviamo un’ennesima lettera in cui la RAI non si arrende e fa richiesta di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui dovremmo dichiarare di “non essere in possesso di alcun apparecchio atto od adattabile alla ricezione di programmi televisivi, compresi personal computer, decoder digitali ed altri apparati multimediali”. Se la lettera arriva per posta ordinaria ignoriamola, altrimenti rispondiamo con una raccomandata e spediamo di nuovo lo stesso modello della lettera. (Per la cronaca se sul computer è presente una scheda TV collegabile all’antenna centrale siamo tenuti a pagare il canone, altrimenti assolutamente no).

Un funzionario RAI potrebbe chiederci di entrare in casa nostra per controllare se ci sono apparecchi televisivi. In questi casi ci consegna un cedolino per il pagamento del canone RAI e chiede una firma per ricezione. Quella firma non è per la ricevuta del cedolino, ma è una dichiarazione in cui si ammette di avere una TV. Sulla base di questa firma la RAI intimerà il pagamento del canone, con minacce assortite di ogni male amministrativo possibile. Quindi, se ci capitasse, non firmiamo nulla. Teniamo anche presente che il funzionario non ha alcun diritto di entrare in casa di un privato cittadino, quindi possiamo invitare il funzionario ad andarsene e se insistesse, con lo zelo di un piazzista, possiamo chiamare il 112 o il 113.

7 marzo 2009

LA MORTE

 

Arriverà l’ora della morte. Potremmo chiamarla l’ora finale, il minuto finale, il momento finale, l’ultimo sospiro, l’effetto sarà sempre lo stesso. Si vive liberamente senza pensare a quel giorno.

La morte non ha giorno né anno preciso, arriva e chiude la porta. C’è un fine a tutto, anche alla vita. Possiamo trascurare molte cose ma la cosa peggiore è trascurare il giorno della fine. Ci sono uomini prudenti che preparano il futuro, accumulano denaro, acquistano proprietà, fanno assicurazioni sulla vita, investono in borsa, cercano di educare i loro figli negli ambienti più ‘in’, scrivono testamenti e pianificano perfino i giorni loro vecchiaia, ma nessuno di loro si prepara per il giorno della morte.

Così la morte li coglie di sorpresa: avendo organizzato tutta la vita, trascurando il giorno che dovranno lasciare tutto ciò che gli appartiene e presentarsi nudi innanzi il proprio Dio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diario

permalink | inviato da geronimo il 7/3/2009 alle 12:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 marzo 2009

TASK MANAGER DI WINDOWS

 

Spesso non capiamo a cosa facciano riferimento i processi attivi sul nostro computer e   non sappiamo pertanto quali di essi siano pertinenti con il nostro sistema. Comprendere ciò ha la sua importanza, proprio perchè in merito a queste conoscenze possiamo individuare processi malevoli funzionanti all'interno del nostro computer che nulla hanno a che fare con esso.
Per conoscere il significato delle operazioni e controllare se sono pericolose possiamo consultare il seuente sito 
http://www.answersthatwork.com/

tradotto in italiano:
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.answersthatwork.com/&ei=WxCySczLOYWI1QWLn62QAQ&sa=


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. computer einternet

permalink | inviato da geronimo il 7/3/2009 alle 7:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile