Blog: http://GERONIMO.ilcannocchiale.it

RSA - SPETTA ANCHE SE RICOVERATI IN LUOGO DIVERSO DA QUELLO DI RESIDENZA

Anche il T.A.R della Toscana con sentenza n. 694/2011, dopo larecente sentenza del Consiglio di Stato N.01607/2011bastonaASL e Regione Toscana per il mancato pagamento della quota RSA. Essesostenevano che per fruire della quota sanitaria la paziente affettada Alzheimer doveva essere ricoverata in una strutturagestita dalla ASL del territorio di residenza.

Succede che una signorainvalida al 100%  affetta da alzheimer viene ricoverata in unastruttura privata convenzionata, senza copertura ASL per la quotasanitaria e del Comune per quella sociale, gli sono stati rifiutatigli emolumenti perchè la struttura non era direttamente gestitadalla ASL competente per territorio di residenza, ma bensì dalla ASL di Pistoia.

I familiari ricorronocosì al TAR Toscana per ottenere il rimborso di quanto anticipato.

IlTAR evidenzia che la quota sanitaria dovuta dal SSN tramite leRegioni è attinente alla malattia e si riferisce a parametrisanitari, mentre la quota sociale considera altri fattori, quali ilreddito e la situazione di bisogno socio ambientale. Si tengaaltresì in considerazione che è diritto del cittadino scegliere illuogo di cura ove curarsi, senza che ricada in suo sfavore la diversasede dell'amministrazione ASL competente per territorio. Alleamministrazioni spettano i conguagli e le compensazioni dei crediti edei debiti.

IlTribunale Amministrativo Regionale per la Toscana – Sezione Seconda– così definitivamente pronunciando sul ricorso originario e suimotivi aggiunti, come in epigrafe proposti, li accoglie e perl’effetto annulla gli atti con gli stessi impugnati, riconoscendoil diritto della ricorrente a vedersi corrisposta in misura integralee non limitata temporalmente la quota sanitaria per il ricovero dellapropria madre nella R.S.A. “Nuova Villa Rio” di S. Godenzo, econdannando l’Azienda U.S.L. n.3 di Pistoia al pagamento dellerelative somme.

Condannale Amministrazioni resistenti al pagamento in favore della ricorrentedi spese ed onorari di causa, che liquida in misura forfettaria incomplessivi Euro 6000,00, di cui Euro 3000,00 a carico dell’Azienda U.S.L. n. 3 di Pistoia e Euro 1.500,00 a carico rispettivamente del Comune diPistoia edella Regione Toscana, più gli accessori di legge.

Compensale spese nei confronti del Comune di S. Marcello Pistoiese. Ordinache la presente sentenza sia eseguita dall’autoritàamministrativa. Così deciso in Firenze, nella Camera di consigliodel giorno 22 dicembre 2010.


Pubblicato il 13/5/2011 alle 18.3 nella rubrica Sanità e salute.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web